Autore: Marco Pappalardo

Editore: Paoline (2018), pag. 105, Euro 11,90

 

In occasione del 25° anniversario della morte (15 settembre 1993), un ricordo, per i ragazzi e i giovani, della figura straordinaria di Padre Pino Puglisi.

Sicilia, Palermo, Brancaccio, il Vangelo, l’educazione, il bene comune, il degrado, l’amicizia, la mafia, il coraggio, il sorriso, la giustizia, la speranza.  Sono tante le parole che raccontano la sua vita (era nato nel 1937, beatificato nel 2013).

Come sacerdote e come insegnante, Padre Puglisi ha dedicato tutte le sue energie per i  giovani. È stato ucciso dalla mafia che ha avuto paura della sua testimonianza.

Il libro delinea la figura di Padre Pino come un “Supereroe”, un mito riconoscibile dai ragazzi. Termine che l’Autore non utilizza nell’accezione di “persona fuori dal comune” ma come “esempio”. Perché, come direbbe 3P, “il seme che muore porta frutto, se è vero che il nome di un povero prete come me, oggi si continua a lottare contro tutte le mafie e si vincono pure alcune battaglie!”.

Il volume è illustrato da Massimiliano Feroldi.

Marco Pappalardo, giornalista pubblicista, è docente di lettere al liceo. Collabora con “La Sicilia” e “Avvenire”.