Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Link

inpgi
casagit
fondo giornalisti
fieg
Garante per la protezione dei dati personali
murialdi
agcom
precariato

Primo piano

25/01/2008

La "coerenza" di Fassino, l´informazione e l´Unipol

“E’ doveroso dar atto all’onorevole Piero Fassino di coerenza personale e politica. Ieri ha accusato i giornalisti di dare una rappresentazione falsa della realtà politica ed ha invitato i cittadini a non leggere i giornali. E’ una posizione coerente, dal punto di vista personale, perché l’onorevole Fassino, in preda a un nervosismo non inusuale per lui, è stato protagonista di attacchi pubblici e sgradevoli nei confronti anche di colleghe che si occupavano di lui e dei Ds quando ne era segretario.
17/01/2008

Iacopino: l´assalto ai giornalisti è una violenza alla democrazia

“Quando i tentativi di mettere il bavaglio ai giornalisti diventano notizia quotidiana non serve l’indignazione che di solito è buona risposta all’eccezionalità di una violenza. Occorre di più. E’ necessario che le massime autorità dello Stato rompano il muro del silenzio che qualcuno ha eretto attorno a loro e diano parole ad una sensibilità che in loro sappiamo essere radicata. Non per un atto di amicizia nei confronti dei giornalisti, ma per la consapevolezza che tanti – a partire dal Presidente della Repubblica, dal vice Presidente del Csm e dai Presidenti delle Camere – hanno spesso testimoniato: la stampa, la libertà di stampa è garanzia di democrazia.
16/01/2008

Del Boca: il bavaglio ai giornalisti limita i diritti dei cittadini

"E' davvero urgente un provvedimento che faccia chiarezza su quali sono i limiti non già dei giornalisti, ma dei magistrati. Non basta più richiamare genericamente la legge e fantasiose ipotesi di reato dimenticando i doveri che dalla Costituzione derivano ai giornalisti. Di questi doveri si è mostrato consapevole il vice presidente del Consiglio superiore della magistratura, Nicola Mancino, quando ha chiarito che un giornalista ha il dovere di pubblicare le notizie delle quali entra in possesso. A Palermo c'è chi non la pensa così e si spinge fino a ipotizzare per due giornalisti di Repubblica  l'ipotesi di favoreggiamento.
09/01/2008

Esami da giornalista: approvata la legge per l´utilizzo del pc

Con due articoli il Parlamento ha mandato in soffitta la macchina per scrivere finora utilizzata per gli esami di Stato di accesso alla professione giornalistica. La Commissione Affari Costituzionali del Senato ha infatti approvato in via definitiva e all’unanimità una legge composta di due soli articoli che consente, per la prova scritta, l’uso dei computer.“Accogliamo con soddisfazione la decisione - ha dichiarato Lorenzo Del Boca, Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti- che accoglie la proposta inoltrata dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti”.“Ringraziamo il Presidente della Camera dei Deputati, Fausto BERTINOTTI, il Presidente del Senato, Franco MARINI, e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Ricky LEVI per aver risolto in tempi rapidi una questione che per anni non è stato possibile affrontare.
28/12/2007

IACOPINO/ NON E´ LA TESTATA A FARE GRANDE UN GIORNALISTA

L’Unità ha pubblicato oggi, 28 dicembre 2007, a pagina 7, un corsivo critico sul comportamento dell’Ordine dei giornalisti a proposito del sorteggio per stabilire la successione dei colleghi nel porre le domande al Presidente del Consiglio, on. Romano Prodi, nella conferenza stampa di fine anno.Il segretario dell’Ordine, Enzo Iacopino, ha inviato all’Unità la riflessione che segue: Desidero sottrarmi alla tentazione di partecipare al gioco di fine anno tendente a stabilire quali sono le “grandi testate” (in base a quali parametri: il numero di copie vendute, gli organici, il deficit, la storia). Ma non posso risparmiarmi il dovere di una constatazione e di qualche comunicazione.La constatazione è semplice: c’è un diffuso richiamo all’esigenza di regole certe.

Deontologia: l'Ordine che fa?

Elezioni 2017

Newsletter

Amministrazione Trasparente

Riforma CNOG

una Legge vecchia di
   20.046
giorni

Il lavoro giornalistico

Osservatorio O2

 

Lo scaffale

scaffale
Fondazione CENSIS (Centro Studi Investimenti Sociali)

Valentina Staffetta