Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Link

inpgi
casagit
fondo giornalisti
fieg
Garante per la protezione dei dati personali
murialdi
agcom
precariato

Decisione CNOG del 3,4,5 luglio 2002

Equiparazione tra residenza e domicilio professionale ai fini dell'iscrizione all'albo professionale
 
 
Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti:
 
visto l’art. 16 della legge 21 dicembre 1999 n.526 sui requisiti per l’iscrizione agli albi professionali per i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea;
 
vista la circolare del Ministero della Giustizia – Direzione Generale degli Affari Civili e Libere Professioni prot. n. 7/995/U del 14.3.2000;
 
vista la nota dell’Ufficio legislativo e della Direzione Generale Affari Civili e Libere Professioni, Ufficio VII, del Ministero della Giustizia, in data 18 luglio e 8 agosto 2001, che lasciano facoltà di opzione tra residenza e domicilio professionale pur riconoscendo piena autonomia dei Consigli nazionali nell’interpretazione delle norme di legge;
 
rilevata per altro la particolarità della professione giornalistica che si può elettivamente esercitare sull’intero territorio nazionale e dell’Unione Europea , senza necessario vincolo residenziale e sovente, anzi, relativamente a fatti di interesse collettivo ed esprimendo giudizi aventi valore generale;
 
rilevato altresì che è proprio in relazione a tale attività che si deve svolgere il penetrante magistero deontologico dell’Ordine dei Giornalisti, il cui valore ha certamente rilevanza generale a garanzia dei lettori;
 
considerata pertanto l’opportunità che il rapporto del giornalista venga mantenuto con l’Ordine regionale o interregionale ove viene esercitata la professione, anche per stabilire comunque una relazione oggettiva tra il singolo giornalista e la sua attività;
 
rilevato tuttavia che il dato normativo dell’art. 16 della Legge 21.2.1999 n. 526 sancisce l’identica valenza dei due requisiti ai fini dell’iscrizione all’Albo (residenza-domicilio professionale);
 
considerato altresì l’opportunità di evitare un’ingiustificata disparità di trattamento nei confronti dei cittadini italiani e quelli degli altri Stati membri dell’Unione Europea
  
d e l i b e r a
 
In applicazione del principio di equiparazione tra residenza e domicilio professionale ai fini dell’iscrizione negli albi professionali anche nei confronti dei giornalisti che abbiano fissato nel territorio italiano sia la residenza che il domicilio professionale, è data facoltà di opzione agli iscritti nell’Albo dei giornalisti circa l’utilizzo dell’uno o l’altro requisito ai fini dell’iscrizione medesima, ferma restando in ogni caso l’osservanza delle norme in tema di residenza, con i relativi obblighi derivanti dall’art. 3, primo comma, del D.P.R. n. 223/1989, che identifica la residenza anagrafica nel luogo dove “si ha la dimora abituale”.
 
 
 

Deontologia: l'Ordine che fa?

Elezioni 2017

Newsletter

Amministrazione Trasparente

Riforma CNOG

una Legge vecchia di
   20.050
giorni

Il lavoro giornalistico

Osservatorio O2

 

Lo scaffale

scaffale
Fondazione CENSIS (Centro Studi Investimenti Sociali)

Valentina Staffetta