Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Link

inpgi
casagit
fondo giornalisti
fieg
Garante per la protezione dei dati personali
murialdi
agcom
precariato

I PALAZZI DEL POTERE Manuale Turistico-Istituzionale per i Cittadini Italiani

07/12/2017
Autore: 
Carlo D’Orta-Vito Tenore
Editore: 
Palombi (2015), pag. 466, Euro 19,00
Dal Quirinale ai Ministeri, attraverso Palazzo Madama, Montecitorio, la Corte Costituzionale, il Consiglio Superiore della Magistratura, la Banca d’Italia, il Comando generale dell’Arma dei Carabinieri, fino a Villa Lubin e il Cnel, una passeggiata culturale tra le Istituzioni del nostro Paese. Tante le storie e gli aneddoti sui Palazzi che contano. È il “Potere” visto con gli occhi dell’arte e dell’architettura, dove spiccano le Istituzioni come Servizio alla Nazione.
Vito Tenore, attualmente magistrato della Corte dei Conti, e Carlo D’Orta, per oltre 35 anni dirigente della Camera dei Deputati, conducono magistralmente il lettore in questo excursus storico-artistico che è anche una esemplare lezione di educazione civica.
L’idea di questo libro – scrivono nella presentazione i due Autori – è nata con questo spirito: raccontare il “Potere” in modo semplice ma sperabilmente non banale. Non un manuale per specialisti di diritto, ma nemmeno soltanto un opuscolo divulgativo. E non un’ordinaria guida per turisti, ma piuttosto una chiave di “lettura diversa” e anche “estetica” per avvicinarsi al “Potere” in modo obiettivo, meno diffidente, più curioso e aperto allo stupore positivo e propositivo.
“Il potere legittimo e i suoi tipi” è il titolo del saggio introduttivo all’opera, a cura del Professore Edoardo Massimilla, Ordinario di Storia della Filosofia-Università Federico II (Napoli). Partendo dall’etimologia della parola “Potere”, Massimilla analizza a fondo il confronto dei pensieri degli studiosi sul tema. In particolare, soffermandosi sulla definizione delle “Relazioni di potere”, che risale agli anni successivi alla Grande Guerra, proposta da Max Weber, nell’ultima fase di stesura del suo lavoro incompiuto “Economia e società” (edito postumo nel 1922).
Il libro è diviso in cinque parti: I Palazzi delle Istituzioni di garanzia (Quirinale, Palazzo della Consulta); I Palazzi del Potere legislativo (Montecitorio, sede della Camera dei Depurati; il Senato della Repubblica, fra Palazzo Madama e Palazzo Carpegna); I Palazzi del Potere esecutivo (Palazzo Chigi e quelli dei vari Ministeri); I Palazzi del Potere giurisdizionale (Corte Suprema di Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti, Consiglio Superiore della Magistratura, Consiglio della Magistratura militare); I Palazzi delle altre Istituzioni centrali (Cnel, Avvocatura dello Stato, Banca d’Italia, Cassa Depositi e Prestiti, Consob, Autorità Garante della Concorrenza, Scuola Nazionale dell’Amministrazione, Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri).
Nota a parte meritano le immagini, a documentazione di quest’opera, perlopiù inedite, tratte dai singoli archivi delle Istituzioni e delle Amministrazioni.

Deontologia: l'Ordine che fa?

Elezioni 2017

Newsletter

Amministrazione Trasparente

Riforma CNOG

una Legge vecchia di
   20.084
giorni

Il lavoro giornalistico

Osservatorio O2

 

Lo scaffale