Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Link

inpgi
casagit
fondo giornalisti
fieg
Garante per la protezione dei dati personali
murialdi
agcom
precariato

IL LINGUAGGIO DELLE CRISI L’economia tra esplosioni, tempeste e malattie

07/03/2017
Autore: 
Daniele Besomi
Editore: 
Donzelli (2017), pag.VI-266, Euro 24,00
Fin dall’antichità, la continuità dello sviluppo economico è stata interrotta da fasi di crisi. Ma con l’avvento dell’industrializzazione e dell’organizzazione capitalistica  della produzione, tali fasi sono diventate più frequenti, e hanno cominciato a manifestarsi con una certa regolarità e con caratteristiche simili tra loro e diverse rispetto ai secoli precedenti. A partire dall’epoca moderna le crisi cominciano a rappresentare un momento di verità per la teoria economica: è in queste fasi cicliche che emergono tutte le difficoltà di funzionamento del capitalismo, cosicché l’interpretazione della crisi diventa parte integrante dell’analisi dei sistemi economici. Parallelamente, ogni rappresentazione teorica dei fenomeni si esprime attraverso un linguaggio che si evolve man mano che le crisi si succedono e ne descrive morfologia e peculiarità. Ecco perché l’analisi del linguaggio usato per descriverle diventa la chiave che rivela in che modo sono comprese: tanto dagli economisti che dagli attori politici che ne adottano le conclusioni. Bolla, stagnazione, panico, depressione, ciclo, fluttuazione, recessione, terremoto economico, uragano finanziario, febbre speculativa… la scelta del linguaggio per descrivere una situazione, infatti, non è mai neutrale: ciascun termine potenzialmente adatto è carico di significati, ciascuna metafora seleziona certe implicazioni piuttosto che altre.
L’Autore, attraverso un’analisi storica della trasformazione del linguaggio, offre al lettore gli strumenti critici per orientarsi tra i vari modi di interpretazione. Besomi esplora sia i termini impiegati per descrivere le crisi dall’Ottocento a oggi, sia le metafore utilizzate nella fase formativa delle teorie delle crisi (e più tardi dei cicli economici) per illustrare, al di là dei tecnicismi dell’ economica moderna, le visioni fondamentali che stanno alla base delle principali linee interpretative di questi fenomeni, proposte dagli studiosi.
Daniele Besomi è senior research fellow presso il Centro di studi interdisciplinari Walras-Pareto dell’Università di Losanna. È autore di numerosi saggi sulle teorie delle crisi (in particolare dell’Ottocento) e dei cicli economici (in particolare degli anni tra le due guerre).
 
 

Deontologia: l'Ordine che fa?

Elezioni 2017

Newsletter

Amministrazione Trasparente

Riforma CNOG

una Legge vecchia di
   20.085
giorni

Il lavoro giornalistico

Osservatorio O2

 

Lo scaffale