Tutelare e valorizzare la figura del giornalista, promuovendo ogni iniziativa volta a migliorare la sua formazione, i percorsi di accesso alla professione e il lavoro quotidiano: sono questi i principali obiettivi della nuova  Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti della Toscana, che è stata costituita formalmente nella giornata di oggi.

“L’Ordine ha bisogno di dotarsi di uno strumento idoneo alla programmazione di una formazione permanente di qualità, capace cioè di promuovere corsi, convegni e seminari – spiega  Carlo Bartoli,  presidente di Odg Toscana e della nuova Fondazione Ordine dei Giornalisti della Toscana – Inoltre, i continui mutamenti nella professione giornalistica rendono sempre più urgente adottare strumenti adeguati a sostenere nuove iniziative imprenditoriali per i giornalisti: la Fondazione è lo strumento adatto per rispondere a questo tipo di esigenze”.

Compito principale della nuova Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti della Toscana è quello di promuovere la formazione di qualità e l’aggiornamento professionale dei giornalisti toscani. Per farlo la Fondazione potrà avvalersi della collaborazione di enti terzi e istituzioni, a cominciare dalle Università toscane.

L’impegno nel settore della formazione non riguarderà soltanto il percorso obbligatorio per l’acquisizione di crediti, ma anche la realizzazione di corsi di alta specializzazione: l’obiettivo è migliorare sia le conoscenze di chi accede alla professione del giornalismo sia le competenze dei giornalisti già in attività.

Oltre alla formazione, tra i compiti principali della Fondazione Ordine dei Giornalisti della Toscana è previsto anche il sostegno alla professione, sotto vari aspetti: dalla promozione della conoscenza di modalità di accesso a fondi pubblici e misure di agevolazione e incentivo all’imprenditorialità in campo giornalistico all’organizzazione di servizi per i professionisti.

La Fondazione Ordine dei Giornalisti della Toscana ha sede presso gli uffici di Odg Toscana, in vicolo de Malaspini, 1 a Firenze.

Il Comitato direttivo è formato da:Carlo Bartoli, Silvia Motroni, Luigi Caroppo, Omero Cambi, Paolo Mori, Nicola Novelli e Federica Sali.

Per il collegio dei revisori dei conti sono stati nominati Rita Pelagotti, Paolo Pobega e Fazio Segantini  come membri effettivi,  Cesare Pepi e Riccardo Cipriani  come supplenti.