Le giornaliste italiane riunite in Assemblea con la Commissione Pari Opportunità della Federazione nazionale della stampa italiana, hanno approvato, a conclusione dell’evento formativo ‘Cronache del dissenso. Media, molestie sessuali, disparità‘ organizzato da Cpo Fnsi, Ordine dei giornalisti del Lazio, GiULiA giornaliste e Articolo21, un documento indirizzato alle redazioni, agli organismi di categoria, a tutte le giornaliste e i giornalisti italiani,  in cui si chiede un impegno concreto nel contrastare molestie sessuali e disparità nei luoghi di lavoro.
L’evento è stato coordinato da Anna Bandettini e Tiziana Ferrario, che al termine dell’incontro ha letto il comunicato.
Hanno partecipato al convegno i rappresentanti degli enti di categoria (per il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti era presente la Vice Presidente Elisabetta Cosci),  direttrici e direttori di testate,  giornaliste e giornalisti,  docenti e  alcune firmatarie del manifesto ‘Dissenso Comune’.
Dopo i saluti introduttivi della presidente della Cpo Fnsi, Alessandra Mancuso e della presidente dell’Odg Lazio, Paola Spadari, sono intervenuti la presidente della Rai, Monica Maggioni, il direttore della Stampa, Maurizio Molinari, il direttore dell’Ansa, Luigi Contu, il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani, la presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, la corrispondente dall’Italia del New York Times, Gaia Pianigiani.
Sono seguiti altri interventi, tra cui anche le testimonianze di alcune donne dello spettacolo che hanno firmato il manifesto ‘Dissenso Comune’.

A seguire il documento finale ‘Cronache del dissenso’ e la lettera aperta delle giornaliste italiane.
Lettera aperta delle giornaliste italiane