Autore:  Adriano Fabris

Editore: Carocci (2018), pag.127, Euro 13,00

 

In che modo le tecnologie dell’informazione e della comunicazione stanno cambiando la nostra vita? Come possiamo interagire correttamente con i dispositivi utilizzati sempre di più? Come possiamo abitare in modo sano i mondi virtuali a cui tali dispositivi danno accesso? Per rispondere a queste domande, il libro approfondisce anzitutto i concetti di fondo che permettono di capire le varie tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Approfondisce, poi, in prospettiva deontologica ed etica, i problemi legati all’uso dei dispositivi più diffusi.

In sintesi che cosa ha voluto offrire questo libro? Ha cercato di analizzare i cambiamenti che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno prodotto e stanno producendo sulle nostre vite. Ha fatto emergere i principali problemi che tali cambiamenti comportano. Ha proposto una serie di soluzioni, caso per caso. Nel primo capitolo è presentata un’analisi della nozione “tecnologia”, del modo in cui si distingue dalla “tecnica” e dalle forme in cui la tecnologia agisce. Nel secondo sono presi in esame quei dispositivi tecnologici che più diffusamente sono o possono essere usati ai fini della comunicazione: il computer, lo smartphone, il robot (considerato come sistema interattivo di comunicazione). Il terzo è dedicato all’approfondimento degli ambienti, inaugurati e consolidati dai più recenti sviluppi tecnologici. Si tratta di ambienti soprattutto virtuali, nei quali i flussi dell’informazione costituiscono lo sfondo nel quale svolgiamo la nostra concreta attività comunicativa. E, dopo un’analisi di ciò che è comunemente chiamata la “realtà virtuale”, nel capitolo sono presentate quelle questioni etiche che riguardano l’internet dei “netsurfers”, quello dei social network e l’internet delle cose. Nell’introduzione, in particolare, è precisato che il libro intende presentare una serie di “fotogrammi” da cui si possono ricavare, oltre che un’analisi della situazione in cui ci troviamo, anche alcune linee di tendenza riguardo ai futuri scenari che ci aspettano.

Adriano Fabris insegna Filosofia morale ed Etica della comunicazione all’Università di Pisa. Sue pubblicazioni: “Twitter e la filosofia” (2015), “Il tempo esploso. Filosofia e comunicazione nell’epoca di Twitter” (2015) e “Ethics of Information and Communication Technologies” (2018).