Un riformatore del linguaggio televisivo molto amato dalla gente”. Così il presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna ha ricordato Luigi Necco, intervenendo nella sede dell’Autorità portuale di Ancona all’Assemblea dei giornalisti marchigiani, incentrata sul tema della riforma dell’accesso alla professione.
Ho avuto il privilegio di avere Luigi per molti anni come collega di redazione alla Tgr Campania della Rai” – ha proseguito Verna ricordando come Necco abbia saputo cogliere lo spirito tipicamente italiano dell’attenzione al Campanile con bonomia e dando l’esempio di come anche la rivalità sportiva possa essere vissuta e raccontata come una competizione sana, senza tracimare in espressioni ostili.
Lo stesso linguaggio divulgativo e coinvolgente Necco seppe sperimentare – ha concluso Verna – parlando a tutti di archeologia, un tema apparentemente di pochi nella trasmissione ‘L’occhio del faraone’ “.