E’ stato depositato l’intervento del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti nel giudizio di legittimità Costituzionale relativo alla pena detentiva a carico dei giornalisti per il reato di diffamazione a mezzo stampa.
L’annuncio è stato dato dal presidente Carlo Verna nella giornata di apertura del Festival del Giornalismo Libero in corso presso l’Università La Sapienza di Roma e promosso dalla rete No Bavaglio Pressing.
“Il carcere per i giornalisti è una sanzione che si pone al di fuori delle norme stabilite dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo. Retaggio di antiche procedure, oggi  rientra in quelle azioni giudiziarie temerarie che sono diventate un macigno contro i giornalisti  che esercitano a schiena dritta la  loro professione – ha affermato Verna intervenendo nell’aula di Giurisprudenza dell’ateneo romano –  La CEDU –  ha aggiunto – ha più volte deliberato sulla contrarietà della pena detentiva ai giornalisti, provvedimento palesemente sproporzionato e che rappresenta una spada di Damocle nell’esercizio di una funzione che riguarda il diritto costituzionale ad informare ed essere informati.
Il Cnog è da sempre vicino a tutti i giornalisti minacciati, sia fisicamente che con azioni  legali – ha aggiunto Verna – e auspico una rapida approvazione in Parlamento delle norme sulla diffamazione e, in particolare, del provvedimento a prima firma de sen. Di Nicola che introduce elementi di dissuasione a carico dei querelanti  quando le loro iniziative si rivelano infondate.”
L’atto del Consiglio nazionale, patrocinato dall’avv. Giuseppe Vitiello del foro di Napoli,  fa riferimento ad un provvedimento in corso al Tribunale di Salerno per il quale il giudice monocratico ha ritenuto sussistente la questione di legittimità costituzionale.

 

STAMPA QUESTA PAGINA