Un altro quotidiano chiude i battenti. Dal primo luglio non sarà più in  edicola il Telegrafo, testata storica del panorama editoriale italiano, pubblicata dalla Società Poligrafici Editoriale, che fa capo al presidente della Fieg Andrea Riffeser Monti. Il quotidiano era tornato in edicola due anni fa, prendendo il posto dell’edizione di Livorno de “La Nazione”.
Il presidente Carlo Verna, la vicepresidente Elisabetta Cosci e il segretario Guido D’Ubaldo  del Consiglio Nazionale dell’Ordine esprimono solidarietà ai colleghi e  la preoccupazione per un nuovo duro colpo al pluralismo informativo. “Si spegne una voce importante dell’informazione cittadina di Livorno. Il Telegrafo fa parte del tessuto connettivo della città. Ogni volta che  una voce si spegne la democrazia diventa più vulnerabile. Una notizia  dolorosa, che mette a rischio posti di lavoro e cancella una presenza importantissima del panorama informativo sul territorio toscano”.
Verna, Cosci  e D’Ubaldo auspicano che si possa rivedere la decisione di sospensione delle pubblicazioni e che possa restare in vita un esempio di informazione libera e autorevole.