È  stato sottoscritto dai giornalisti che oggi a Napoli hanno partecipato al corso di formazione professionale, promosso da Ucsi e da Ordine dei Giornalisti e svoltosi nei locali della Curia arcivescovile di Napoli, l’appello lanciato da Riccardo Rossi per sostenere fratel Biagio Conte, il missionario laico fondatore della “Missione di Speranza e Carità” che da alcuni giorni è in sciopero della fame in segno di protesta contro l’espulsione di Paul, originario dell’Africa e ospite da dieci anni della missione – attiva in Sicilia – e che adesso rischia di dover lasciare l’Italia.
Paul, 51 anni, originario del Ghana, da 10 anni in Italia si adopera per sostenere con i volontari della Missione della Speranza gli ‘ultimi’ e, come ha assicurato Riccardo Rossi non  ha avuto mai problemi con la giustizia.
L’appello di Rossi è stato rilanciato dal presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, insieme a quello della Campania, Ottavio Lucarelli, al presidente nazionale dell’Ucsi, Vania de Luca, e a quello dell’Ucsi della Campania, Pino Blasi.
“Salviamo e regolarizziamo chi è in Italia da tempo, non li rendiamo clandestini”, ha scritto Biagio Conte.