Autore:  Maurizio Riccardi, Giovanni Currado, Flavia Scalambretti (Foto di Carlo Riccardi)

Editore: AGR (2018), pag. 79, Euro 10,00

 

Sono qui presentati frammenti di vita civile e politica, raccolti e conservati dall’occhio del fotoreporter di un tempo, quello che “ha pochi scatti a disposizione e devono essere tutti buoni”.

La partecipazione al voto nell’immediato dopoguerra era altissima, quanto imprevedibile era l’esito di ogni tornata elettorale. I partiti maggiori – scrivono i curatori, nell’introduzione – si affrontavano sul terreno reale della strada, a colpi di comizi e manifesti, a volte sembrava gareggiassero a chi li “metteva più in alto”. Alcuni erano semplici imperativi, altri delle vere “pubblicità grafiche”, realizzate dalle mani di esperti comunicatori, come è documentato nell’apposita sezione. Mentre, oggi, la comunicazione viaggia su altri binari.

Alla base di questo volume le immagini degli italiani al voto, raccolte nell’archivio realizzato in oltre 70 anni dal fotografo Carlo Riccardi.

Le 73 foto presentate sono suddivise per temi: Celebrità, Boom elettorale, Le piazze, I protagonisti, i Manifesti elettorali.

Sfogliando, pagina dopo pagina, troviamo: Alberto Sordi mentre pone la scheda nell’urna, nelle elezioni politiche del 1956; la Piazza San Giovanni a Roma, durante un comizio di Togliatti nel 1958; sul palco, davanti ai microfoni, Amintore Fanfani, segretario DC, a Piazza del Popolo (Roma), durante il comizio per il “Sì”, al referendum contro il divorzio (12 maggio 1974).

Tra le immagini dei protagonisti, ci sono SandroPertini e Palmiro Togliatti, durante alcune riprese televisive a Piazza Montecitorio, nel 1962, intervistati dal giornalista Vittorio Orefice.

Un libro, dunque, nato per far riflettere su come è cambiata la comunicazione dalle prime campagne elettorali, nell’Italia del dopoguerra, ma anche per mostrare quanto era vivo il sentimento di appartenenza e di partecipazione alla “nuova” vita democratica.

Maurizio Riccardi è direttore dell’Agenzia di documentazione fotografica AGR, Giovanni Currado è giornalista e fotoreporter; Flavia Scalambretti è laureata in Scienze della Comunicazione.